1 utente stanno visualizzando questa discussione: (0 membri, e 1 visitatore).
Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 1 voti - 5 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
VFR bandito da alcuni CTR: che succede?
Autore Messaggio
Pilota75 Offline
Member
***

Messaggi: 185
Registrato: Jan 2006
Reputazione: 0
Messaggio: #21
VFR bandito da alcuni CTR: che succede?
Citazione:Originariamente inviato da MIKSO
Pilota75,credo che la tua sia solo una provocazione ,quello che è successo 30 anni fa è impossibile da ripetersi .

Tempi diversi ,gente diversa e politici diversi.

Magari c'è altro dietro....

Non è una provocazione è un sospetto.
Mi chiedo come mai quasi in contemporanea due enti importanti (Garda e Romagna) dichiarino gli stessi problemi ed adottino due provvedimenti simili.

Ricordi a febbraio che i voli di alitalia partivano sempre in ritardo?
Hanno poi risolto i problemi economici col personale ed ora è tutto ok.
06-06-2009 11:04
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
zimo Offline
Member
***

Messaggi: 177
Registrato: Feb 2006
Reputazione: 0
Messaggio: #22
VFR bandito da alcuni CTR: che succede?
..proprio perchè siamo militari, ed abbiamo giurato davanti al Tricolore, abbiamo dei doveri che derivano dalle stellette, e gli ordini che vengono dall'alto vanno eseguiti.
..non è stata una decisione di noi CTA, ma dei vertici AMI!!
06-06-2009 23:47
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Pilota75 Offline
Member
***

Messaggi: 185
Registrato: Jan 2006
Reputazione: 0
Messaggio: #23
VFR bandito da alcuni CTR: che succede?
Citazione:Originariamente inviato da zimo
..proprio perchè siamo militari, ed abbiamo giurato davanti al Tricolore, abbiamo dei doveri che derivano dalle stellette, e gli ordini che vengono dall'alto vanno eseguiti.
..non è stata una decisione di noi CTA, ma dei vertici AMI!!

Questo era chiaro, ma abbiamo tutti una certa età e sappiamo come vanno le cose.

Non mi venire a dire che non esistono relazioni di servizio da parte dei CTA riguardo le condizioni di lavoro; o dovrei pensare che i vertici AMI (a Roma) conoscono autonomamente la situazione....
07-06-2009 12:37
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
zimo Offline
Member
***

Messaggi: 177
Registrato: Feb 2006
Reputazione: 0
Messaggio: #24
VFR bandito da alcuni CTR: che succede?
..cosa significa "sappiamo come vanno le cose"??
..io so come vanno le cose in casa mia, non in quella del vicino!! se poi vogliamo parlare per fasi fatte o credenze popolari, è un altro discorso!!
..il cta militare ha un impiego differente dal cta enav, mi spiego meglio: per l'AMI il cta con le stellette è tenuto ha svolgere fondamentalmente il controllo dei propri velivoli militari (che hanno frequenza di volo e comportamenti diversi dai voli civili), i cta delle zone di controllo gestite dall'AMI in cui ci son aeroporti aperti al traffico civile, sono "un'anomalia", ma la composizione del turno, come numero di controllori e numero di ore sul pezzo è pari pari uguale a quella di un avvicinamento o torre di un aeroporto esclusivamente militare, da questo capisci bene che il mio carico di lavoro e quello di un controllore di piacenza, non è la stessa cosa, ma le ore sul pezzo e il numero di cta si!!
07-06-2009 19:16
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
nightowl Offline
Junior Member
**

Messaggi: 5
Registrato: Sep 2007
Reputazione: 0
Messaggio: #25
VFR bandito da alcuni CTR: che succede?
Quoto pienamente zimo, ascoltando la freq di garda in giornate estive, quando il traffico si fa pesante la situazione diventa insostenibile, è facile poter sentire più di tre o quattro informazioni di traffico per ogni aeromobile vfr, inoltre ho sempre notato un estremo controllo verso i vfr anche se a volte non dovuto, questo naturalmente porta ad un miglior servizio ma anche ad un maggior carico di lavoro, per non parlare poi delle mancanze dovute alle radioassistenze (poche e spesso inutilizzabili) ed ai sistemi radar che purtroppo molte volte non sono all'altezza del compito che devono svolgere (basta leggere della marea di limitazioni sia per garda, vedi lipo, sia per romagna, vedi forlì, sull'aip), inoltre confermo la carenza di organico, dovuta forse anche al non proprio adeguato salario oltre che di mancanza della leva militare obbligatoria (dove perlomeno si poteva attingere invogliando nuove persone a fare un lavoro bellissimo come quello del controllore)...
Anche se fuori argomento, vorrei far notare che il piano di volo per i vfr non dovrebbe essere un optional ad uso dei voli che espatriano, ma un dovere del pilota, visto che per un controllore può essere un aiuto importante per sapere quanto traffico avrà in contatto (senza parlare poi dell'ovvia questione di sicurezza).
07-06-2009 19:52
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Pilota75 Offline
Member
***

Messaggi: 185
Registrato: Jan 2006
Reputazione: 0
Messaggio: #26
VFR bandito da alcuni CTR: che succede?
Citazione:Originariamente inviato da zimo
..cosa significa "sappiamo come vanno le cose"??
..io so come vanno le cose in casa mia, non in quella del vicino!! se poi vogliamo parlare per fasi fatte o credenze popolari, è un altro discorso!!
..il cta militare ha un impiego differente dal cta enav, mi spiego meglio: per l'AMI il cta con le stellette è tenuto ha svolgere fondamentalmente il controllo dei propri velivoli militari (che hanno frequenza di volo e comportamenti diversi dai voli civili), i cta delle zone di controllo gestite dall'AMI in cui ci son aeroporti aperti al traffico civile, sono "un'anomalia", ma la composizione del turno, come numero di controllori e numero di ore sul pezzo è pari pari uguale a quella di un avvicinamento o torre di un aeroporto esclusivamente militare, da questo capisci bene che il mio carico di lavoro e quello di un controllore di piacenza, non è la stessa cosa, ma le ore sul pezzo e il numero di cta si!!
"sappiamo come vanno le cose" significa che non credo che qualche gerale a Roma si è svegliato in preda ad un incubo su garda.

Ritengo, avendo svolto servizio in enti militari, che il malcontento che sta uscendo fuori ora, da parte dei cta, sia arrivato fino ai vertici per mezzo di relazioni di servizio ed altri strumenti.

Non vi sto accusando, per carità, dico solo che non potete dire che non vi siate lamentati presso chi di dovere.
08-06-2009 09:39
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Pilota75 Offline
Member
***

Messaggi: 185
Registrato: Jan 2006
Reputazione: 0
Messaggio: #27
VFR bandito da alcuni CTR: che succede?
Citazione:[i]
Anche se fuori argomento, vorrei far notare che il piano di volo per i vfr non dovrebbe essere un optional ad uso dei voli che espatriano, ma un dovere del pilota, visto che per un controllore può essere un aiuto importante per sapere quanto traffico avrà in contatto (senza parlare poi dell'ovvia questione di sicurezza). [/b]

Chi ha detto il contrario?
08-06-2009 09:39
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
zimo Offline
Member
***

Messaggi: 177
Registrato: Feb 2006
Reputazione: 0
Messaggio: #28
VFR bandito da alcuni CTR: che succede?
Citazione:Originariamente inviato da Pilota75
Citazione:Originariamente inviato da zimo
[b]..cosa significa "sappiamo come vanno le cose"??
..io so come vanno le cose in casa mia, non in quella del vicino!! se poi vogliamo parlare per fasi fatte o credenze popolari, è un altro discorso!!
..il cta militare ha un impiego differente dal cta enav, mi spiego meglio: per l'AMI il cta con le stellette è tenuto ha svolgere fondamentalmente il controllo dei propri velivoli militari (che hanno frequenza di volo e comportamenti diversi dai voli civili), i cta delle zone di controllo gestite dall'AMI in cui ci son aeroporti aperti al traffico civile, sono "un'anomalia", ma la composizione del turno, come numero di controllori e numero di ore sul pezzo è pari pari uguale a quella di un avvicinamento o torre di un aeroporto esclusivamente militare, da questo capisci bene che il mio carico di lavoro e quello di un controllore di piacenza, non è la stessa cosa, ma le ore sul pezzo e il numero di cta si!!
"sappiamo come vanno le cose" significa che non credo che qualche gerale a Roma si è svegliato in preda ad un incubo su garda.

Ritengo, avendo svolto servizio in enti militari, che il malcontento che sta uscendo fuori ora, da parte dei cta, sia arrivato fino ai vertici per mezzo di relazioni di servizio ed altri strumenti.

Non vi sto accusando, per carità, dico solo che non potete dire che non vi siate lamentati presso chi di dovere. [/b]
..la decisione di limitare il volo vfr non è stata dei cta, e questa restrizione non vale solo x il ctr garda, ma x tutti quelli gestiti dall'AMI.
..le nostre non sono lamentele, ma richieste di operare in piena sicurezza, nel nostro e nel vostro interesse
08-06-2009 16:13
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
lucaberta Offline
Member
***

Messaggi: 246
Registrato: May 2007
Reputazione: 0
Messaggio: #29
VFR bandito da alcuni CTR: che succede?
Citazione:Originariamente inviato da Pilota75
Citazione:
Anche se fuori argomento, vorrei far notare che il piano di volo per i vfr non dovrebbe essere un optional ad uso dei voli che espatriano, ma un dovere del pilota, visto che per un controllore può essere un aiuto importante per sapere quanto traffico avrà in contatto (senza parlare poi dell'ovvia questione di sicurezza).

Chi ha detto il contrario? [/b]
io lo dico molto volentieri, tanto per gradire.

Non e' un FPL che puo' servire ad un CTA a gestire meglio del traffico VFR, ma piuttosto un sistema ATC moderno che permette ai CTA di operare con traffici misti senza dover penalizzare troppo quelli considerati meno importanti, cioe' quelli "non revenue" come quasi tutti i traffici VFR.

Un sistema ATC moderno, per vostra informazioni, non ha di certo spazi aerei controllati di dimensioni assurdamente abnormi come le TMA di Roma e di Milano, tanto per capirci... per tacere del CTR di Linate, e di tanti altri ancora.

In USA i piani di volo VFR non vengono nemmeno gestiti dagli enti ATC, ma da degli enti ATS completamente separati da quelli che ti danno, ad esempio, lo squawk e le informazioni di traffico di altri VFR o IFR in zona.

Perche' non guardate un po' piu' oltre il vostro naso, ed imparate a capire che ci sono altri paesi in Europa e nel mondo dove le cose sono molto ma molto meglio che in Italia?

E, guarda un po', anche in questi paesi non e' obbligatorio fare FPL per voli VFR...

Ciao, Luca
08-06-2009 17:34
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
sacco Offline
Junior Member
**

Messaggi: 9
Registrato: Apr 2009
Reputazione: 0
Messaggio: #30
RE: VFR bandito da alcuni CTR: che succede?
ciao a tutti mi rivolgo a zimo in particolare;con ultraleggero per entrare nel ctr garda e recarmi in una delle aviosuperfici al suo interno cosa è meglio fare,mantenere solo ascolto 500ft o al di sotto,oppure sempre in silenzio radio 7000c,oppure chiamare,oppure ancora andarci in auto. La prima opzione a onor del vero l'ho gia provata ,credo di aver creato un po di nervosismo nel cta di turno, e me ne scuso.Lo so'...io li non ci devo entrare, però
senza impegnare la frequenza quota rasoterra transponder ed un simil ticas credo di non mettere a rischio nessuno tranne le linee elettriche, se poi il cta conoscesse pure le mie intenzioni mi sentirei, a dir poco, realizzato.
15-12-2009 21:42
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Permessi di scrittura
Non puoi inserire nuove discussioni.
Non puoi inserire risposte.
Non puoi inserire allegati.
L' HTML è disattivato.
Il MyCode è attivato.
Le faccine sono attivato.
Il codice [img] è attivato.

Contattaci | Traffico Aereo | Torna all'inizio della pagina | Torna al contenuto | Modalità archivio | RSS Syndication