2 utenti stanno visualizzando questa discussione: (0 membri, e 2 visitatori).
Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Piccola polemica...speriamo costruttiva
Autore Messaggio
CAT4R4TTA Offline
Junior Member
**

Messaggi: 16
Registrato: Nov 2008
Reputazione: 0
Messaggio: #1
Piccola polemica...speriamo costruttiva
Speriamo ne nasca una discussione intelligente, utile a tutti.

Breve premessa: sabato sono andato in francia, a Fayence. Tutto in VFR con piano di volo. La rotta era: Aviosup Massalengo (Lodi) - LILH - Turchino - ABN - sae route intorno a Nizza - Cannes - Fayence. Arrivati in Francia il CTA ci chiede che rotta fare (eravamo due aerei diciamo a 10' di distanza l'uno dall'altro). Chiediamo la sea route e ci assegnano, contrariamente al solito, 1000ft ground (...o meglio water...) lungo tutta quella sfilza di punti di riporto. Sopra di noi nel frattempo due liner atterravano a Nizza. L'altro aereo chiede la stessa rotta e il CTA, anche meglio, lo fa passare sopra la verticale di Nizza a 1.500 piedi autorizzando un diretto per Fayence, dato che non c'era traffico.

Considerazioni: in Italia secondo voi sarebbe mai successa una cosa del genere?!? I CTR sono enormi, gli aeroporti inavvicinabili...come mai?!? Qual'è il problema di far sorvolare, per dire, Linate a 2000ft se in quel momento non c'è traffico? Come mai per andare da E1 a W1 mi devo fare 50 Km intorno al CTR e non posso essere autorizzato all'attraversamento se in quel momento non c'è traffico? In fondo i radar li hanno i francesi ma li avete pure voi.

Al ritorno, facendo la mountain route, dal punto N ci ha chiesto che prua facevamo e ci ha autorizzato ad UN DIRETTO PER VOGHERA!!!! Senza tante menate, 100 riporti, 20 quote diverse... Su a 8.000 e diretti a casa.

Perché qua no?!?!?!?

La domanda, e la provocazione è: siete voi CTA in generale un po' "timidi" nell'assegnare rotte e quote oppure vi viene imposto che sia CATEGORICAMENTE vietato attraversare da E1 a W1 a 2000ft anche in assenza di traffico? Nel caso fosse la seconda concordate con me che sia follia oppure io ho una visione distorta del mondo?

Quando i piloti francesi volano in italia e non sono così pronti a rispondere sempre alle 1000 domande che vengono fatte ora sapete anche uno dei tanti perché.

Sandro
02-03-2009 14:00
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
zimo Offline
Member
***

Messaggi: 177
Registrato: Feb 2006
Reputazione: 0
Messaggio: #2
Piccola polemica...speriamo costruttiva
..secondo me, molto dipende da che CTR attraversi, se è militare non credo tu troverai mai grossi problemi a sentirti autorizzare ad un diretto, se è civile non lo so!!
..poi dipende dalle regolamentazioni locali di ogni ente ATS che contatti!!
02-03-2009 18:50
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Furia Offline
Member
***

Messaggi: 63
Registrato: Mar 2005
Reputazione: 0
Messaggio: #3
Piccola polemica...speriamo costruttiva
Non mi risulta ci siano imposizioni. Poi come ha detto zimo dipende anche molto da che CTR attraversi.
Nei CTR militari che sono classe D e in genere non hanno un gran traffico di linea, probabilmente sono più propensi. Nei CTR trafficati classe C ci sono più problemi a dare dei diretti...allora succede che si è un pò timidi!
02-03-2009 20:30
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Furia Offline
Member
***

Messaggi: 63
Registrato: Mar 2005
Reputazione: 0
Messaggio: #4
Piccola polemica...speriamo costruttiva
Per quanto riguarda i CTR italiani, più che enormi sono troppi. Abbiamo troppi aeroporti medio-piccoli di utilità relativa...
02-03-2009 20:34
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
zimo Offline
Member
***

Messaggi: 177
Registrato: Feb 2006
Reputazione: 0
Messaggio: #5
Piccola polemica...speriamo costruttiva
Citazione:Originariamente inviato da Furia
[b]Non mi risulta ci siano imposizioni. Poi come ha detto zimo dipende anche molto da che CTR attraversi.
Nei CTR militari che sono classe D e in genere non hanno un gran traffico di linea, probabilmente sono più propensi.
..vieni a farti un giro a GARDA!!
02-03-2009 22:59
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Furia Offline
Member
***

Messaggi: 63
Registrato: Mar 2005
Reputazione: 0
Messaggio: #6
Piccola polemica...speriamo costruttiva
...sto tra Garda e Romagna...
Comunque Garda un po' di traffico ne fa!
02-03-2009 23:34
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
CAT4R4TTA Offline
Junior Member
**

Messaggi: 16
Registrato: Nov 2008
Reputazione: 0
Messaggio: #7
Piccola polemica...speriamo costruttiva
Possibile che non ci sia qualcuno che lavora a Milano che mi sappia dire xke è tassativamente vietato attraversare il CTR anche in assenza di traffico?
Ragazzi via, Linate mica è Schiphol...e Malpensa peggio ancora. Io volo da lì tutte le settimane e passano le decine di minuti a fila senza nessun movimento. Io non faccio il CTA ma non credo sia infattibile vedere se c'è o se non c'è traffico su un radar e capire se una determinata rotta sia fattibile o meno IN QUEL MOMENTO.

Da questo punto di vista io trovo infinitamente più disponibili i CTR militari. Mi è capitato di fare richieste di ogni genere a Garda e Pisa e vi garantisco mi hanno fatto fare qulunque tipo di rotta senza mai problemi. Se poi sul momento avevano traffico e non potevano autorizzarmi mi hanno kmq fatto fare la più breve e non obbligatoriamente quelle pubblicate a quote standard.
03-03-2009 09:02
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
lucaberta Offline
Member
***

Messaggi: 246
Registrato: May 2007
Reputazione: 0
Messaggio: #8
Piccola polemica...speriamo costruttiva
Sandro,

ho appena aggiunto una delle mie tante esperienze positive sul thread parallelo a questo, sul nostro forum:

http://www.vfrflight.net/index.php/topic,684.0.html

A me sembra che, come al solito, nessuno dei CTA si voglia prendere la responsabilita' di fare alcunche' di diverso dagli "usi e costumi" locali, dato che si e' sempre fatto cosi'. I regolamenti poi non aiutano, l'idea di avere delle rotte obbligate e' contro la natura stessa del volo VFR, a mio modo di vedere!

Mi piacerebbe capire se un giorno si potessero iniziare ad assegnare codici discreti al traffico VFR per fornire separazione tra i traffici IFR e quelli VFR. Chissa' se cadrebbero talune delle obiezioni che molti CTA spesso ci fanno quando tocchiamo questo argomento...

Ciao, Luca

P.S. Questo genere di cose in USA sono normali...

[Immagine: img53762980828.jpg]
03-03-2009 09:20
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
pikappa Offline
Member
***

Messaggi: 166
Registrato: Feb 2004
Reputazione: 0
Messaggio: #9
Piccola polemica...speriamo costruttiva
Non è giurisdizione del FIC quindi ho chiesto direttamente ai colleghi delle TWRs.
Linate consente l'attraversamento VFR solo agli aa/mm di stato e per lavoro aereo, Malpensa solo agli elicotteri.
Questo è quanto sono riuscito a farmi dire rapidamente al telefono.
Non so se/dove sia pubblicato in AIP, ma se sono regole permanenti dovrebbero essere pubblicate.
Per conoscere i motivi bisognerebbe chiedere ai rispettivi Uffici Operazioni.
Mi ci vuole un po' di tempo per parlare con gli interessati.
Al momento è tutto quello che so dirvi.

Vola solo chi osa farlo.
(Lùis Sepulveda - Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare)
03-03-2009 09:55
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
pikappa Offline
Member
***

Messaggi: 166
Registrato: Feb 2004
Reputazione: 0
Messaggio: #10
Piccola polemica...speriamo costruttiva
Citazione:Originariamente inviato da CAT4R4TTA
Al ritorno, facendo la mountain route, dal punto N ci ha chiesto che prua facevamo e ci ha autorizzato ad UN DIRETTO PER VOGHERA!!!!
Questo invece mi lascia alquanto perplesso.
Se le cose sono state fatte ad arte, il francese deve aver coordinato con Milano il diretto, quindi il CTA "bravo" che ha dato il diretto è Milano e non Nizza.
Se invece il diretto non è stato coordinato ( forte sospetto...:mad: ), il francese ha fatto lo splendido "sulla pelle" tua e del collega milanese, istruendoti a percorrere una rotta che non conosceva. Quindi ci penserei due volte prima di lodarlo solo perché ti ha mandato dritto...

Vola solo chi osa farlo.
(Lùis Sepulveda - Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare)
03-03-2009 10:06
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Permessi di scrittura
Non puoi inserire nuove discussioni.
Non puoi inserire risposte.
Non puoi inserire allegati.
L' HTML è disattivato.
Il MyCode è attivato.
Le faccine sono attivato.
Il codice [img] è attivato.

Contattaci | Traffico Aereo | Torna all'inizio della pagina | Torna al contenuto | Modalità archivio | RSS Syndication