1 utente stanno visualizzando questa discussione: (0 membri, e 1 visitatore).
Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Piccola polemica...speriamo costruttiva
Autore Messaggio
marculì Offline
Junior Member
**

Messaggi: 35
Registrato: Oct 2008
Reputazione: 0
Messaggio: #21
Piccola polemica...speriamo costruttiva
La discussione va avanti anche qui...giusto per tenervi informati
http://www.vfrflight.net/index.php/topic,684.0.html
03-03-2009 18:59
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
pikappa Offline
Member
***

Messaggi: 166
Registrato: Feb 2004
Reputazione: 0
Messaggio: #22
Piccola polemica...speriamo costruttiva
Ora Lucaberta dirà che sono sempre più istituzionalizzato... Big Grin
Vorrei ricordare che il CTA è un lavoratore dipendente, con un datore di lavoro e una struttura gerarchica alle spalle.
Il lavoro del CTA è assolvere i compiti che il datore di lavoro (Enav/AMI) gli assegna.
Tali compiti gli vengono somministrati attraverso Istruzioni Permanenti, Ordini di Servizio, Circolari.
Tale normativa è spesso concepita per essere assolutamente iperprotettiva verso l'utenza a scapito della fluidità, perché chi l'ha compilata è il primo a temere il PM nel caso succedesse qualcosa.
Quindi il CTA ha tutta la montagnetta di disposizioni che gli dice che deve fare A da una parte e l'utente che chiede di fare B dall'altra.
Ora, dato che non stiamo parlando di pulizia etnica, penso che invocare l'obiezione di coscienza sia un po' eccessivo.
Il CTA deve accontentare l'Enav. E' l'Enav a dover accontentare l'utenza.
Penso anch'io che basterebbe copiare gli USA, la Francia o la Gran Bretagna.
Penso anch'io che il VFR in Italia sia pesantemente e ingiustamente penalizzato.
Sono uno dei tanti (assicuro, tantissimi) che si impegnano per far progredire il sistema.
Ma ai CTA davvero non si può chiedere di più. Questo è sempre e comunque un mestiere, non una missione.
Capisco che i piloti VFR si interfacciano con noi e i NO se li sentono dire da noi, ma noi siamo la voce dell'Enav.
Nella grande maggioranza dei casi non stiamo parlando di discrezionalità.
Il CTA per accontentarvi dovrebbe andare contro le disposizioni di Enav. E spesso lo fa pure.
Cinque mesi fa il più rappresentativo sindacato dei CTA italiani ha scritto a Enav chiedendo un incontro per rivedere completamente la fornitura del Servizio Informazioni al traffico VFR:
http://www.atmpp.it/upload/Dipartimento-...cenari.pdf .
Ci sono dei CTA con delle proposte immediatamente attuabili a costo zero e altre con investimenti davvero minimi in termini di tecnologia e qualcuno in più in termini di ore di lavoro umano.
Nessuna risposta è mai giunta a quella lettera.
Nessuna risposta.
Mi dispiace, ma in questo Paese le cose si muovono solo con i morti (e nemmeno sempre) o con i politici.
D'Alema è appassionato di nautica e mi dicono abbia rilanciato la navigazione da diporto.
Ci serve un D'Alema pilota VFR.

Vola solo chi osa farlo.
(Lùis Sepulveda - Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare)
03-03-2009 19:51
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
marculì Offline
Junior Member
**

Messaggi: 35
Registrato: Oct 2008
Reputazione: 0
Messaggio: #23
Piccola polemica...speriamo costruttiva
Citazione:Originariamente inviato da pikappa
Ora Lucaberta dirà che sono sempre più istituzionalizzato... Big Grin
Vorrei ricordare che il CTA è un lavoratore dipendente, con un datore di lavoro e una struttura gerarchica alle spalle.
Il lavoro del CTA è assolvere i compiti che il datore di lavoro (Enav/AMI) gli assegna.
Tali compiti gli vengono somministrati attraverso Istruzioni Permanenti, Ordini di Servizio, Circolari.
Tale normativa è spesso concepita per essere assolutamente iperprotettiva verso l'utenza a scapito della fluidità, perché chi l'ha compilata è il primo a temere il PM nel caso succedesse qualcosa.
Quindi il CTA ha tutta la montagnetta di disposizioni che gli dice che deve fare A da una parte e l'utente che chiede di fare B dall'altra.
Ora, dato che non stiamo parlando di pulizia etnica, penso che invocare l'obiezione di coscienza sia un po' eccessivo.
Il CTA deve accontentare l'Enav. E' l'Enav a dover accontentare l'utenza.
Penso anch'io che basterebbe copiare gli USA, la Francia o la Gran Bretagna.
Penso anch'io che il VFR in Italia sia pesantemente e ingiustamente penalizzato.
Sono uno dei tanti (assicuro, tantissimi) che si impegnano per far progredire il sistema.
Ma ai CTA davvero non si può chiedere di più. Questo è sempre e comunque un mestiere, non una missione.
Capisco che i piloti VFR si interfacciano con noi e i NO se li sentono dire da noi, ma noi siamo la voce dell'Enav.
Nella grande maggioranza dei casi non stiamo parlando di discrezionalità.
Il CTA per accontentarvi dovrebbe andare contro le disposizioni di Enav. E spesso lo fa pure.
Cinque mesi fa il più rappresentativo sindacato dei CTA italiani ha scritto a Enav chiedendo un incontro per rivedere completamente la fornitura del Servizio Informazioni al traffico VFR:
http://www.atmpp.it/upload/Dipartimento-...cenari.pdf .
Ci sono dei CTA con delle proposte immediatamente attuabili a costo zero e altre con investimenti davvero minimi in termini di tecnologia e qualcuno in più in termini di ore di lavoro umano.
Nessuna risposta è mai giunta a quella lettera.
Nessuna risposta.
Mi dispiace, ma in questo Paese le cose si muovono solo con i morti (e nemmeno sempre) o con i politici.
D'Alema è appassionato di nautica e mi dicono abbia rilanciato la navigazione da diporto.
Ci serve un D'Alema pilota VFR.

Chiaro e preciso: grazie!
03-03-2009 20:12
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
gianmarko Offline
Member
***

Messaggi: 90
Registrato: Sep 2008
Reputazione: 0
Messaggio: #24
Piccola polemica...speriamo costruttiva
"Mi dispiace, ma in questo Paese le cose si muovono solo con i morti (e nemmeno sempre) o con i politici."

o con qualche sciopero ;-)

http://www.avweb.com/other/FRG_MidAir_TowerAudio.mp3
04-03-2009 00:11
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
pikappa Offline
Member
***

Messaggi: 166
Registrato: Feb 2004
Reputazione: 0
Messaggio: #25
Piccola polemica...speriamo costruttiva
Citazione:Originariamente inviato da gianmarko
"Mi dispiace, ma in questo Paese le cose si muovono solo con i morti (e nemmeno sempre) o con i politici."

o con qualche sciopero ;-)
Meglio se selvaggio, non dichiarato e che blocchi il paese ad oltranza... Wink

Vola solo chi osa farlo.
(Lùis Sepulveda - Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare)
04-03-2009 01:14
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
no speed restriction Offline
Junior Member
**

Messaggi: 5
Registrato: Sep 2008
Reputazione: 0
Messaggio: #26
Piccola polemica...speriamo costruttiva
Per disposizioni ENAC,nel CTR di Malpensa è vietato il traffico in VFR,ad esclusione del trf da e per LIMC e LIMN.
04-03-2009 01:32
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
no speed restriction Offline
Junior Member
**

Messaggi: 5
Registrato: Sep 2008
Reputazione: 0
Messaggio: #27
Piccola polemica...speriamo costruttiva
Per disposizione ENAC ,nel CTR di Malpensa è consentita attività VFR ai soli velivoli di base e militari da/per Cameri.
04-03-2009 19:37
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
gianmarko Offline
Member
***

Messaggi: 90
Registrato: Sep 2008
Reputazione: 0
Messaggio: #28
Piccola polemica...speriamo costruttiva
ad eccezione di tutti gli ULM residenti nei vari campi che si trovano all'interno del CTR :-D e che volano senza radio e senza xpndr

faccio sempre molta fatica a trovare il metodo che sta dietro a queste disposizioni.

Citazione:Originariamente inviato da no speed restriction
Per disposizione ENAC ,nel CTR di Malpensa è consentita attività VFR ai soli velivoli di base e militari da/per Cameri.
05-03-2009 00:18
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Flemma79 Offline
Junior Member
**

Messaggi: 31
Registrato: Apr 2008
Reputazione: 0
Messaggio: #29
Piccola polemica...speriamo costruttiva
o con qualche sciopero ;-)[/quote]
Meglio se selvaggio, non dichiarato e che blocchi il paese ad oltranza... Wink [/b][/quote]

All'estero i lavoratori sono capaci di bloccare il paese per settimane se ritengono i propri motivi veramente validi e l'opinione pubblica li appoggia nonostante i disagi; in Italia se qualche tranviere, camionista, pilota o chissà chi per un solo giorno sciopera si vede tutti contro come se fosse la causa di ogni male!Sad
05-03-2009 01:28
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
marculì Offline
Junior Member
**

Messaggi: 35
Registrato: Oct 2008
Reputazione: 0
Messaggio: #30
Piccola polemica...speriamo costruttiva
Citazione:All'estero i lavoratori sono capaci di bloccare il paese per settimane se ritengono i propri motivi veramente validi e l'opinione pubblica li appoggia nonostante i disagi; in Italia se qualche tranviere, camionista, pilota o chissà chi per un solo giorno sciopera si vede tutti contro come se fosse la causa di ogni male!

Beh, innanzitutto bisogna definire i "motivi veramente validi", che in Italia si traducono, nove su dieci, in "voglio lavorare meno e guadagnare di più", cosa che ai cittadini poco importa sinceramente. Ognuno ha i suoi problemi economici e familiari...
E poi è bene rendersi conto che all'estero non c'è uno sciopero ogni tre giorni...
Comunque sia gli scioperanti (tutti) si sono tirati la zappa sui piedi, perchè a furia di fare sciopero l'Italia è assuefatta e non hanno più molto valore.
Vedere esito caso "Alitalia".
La soluzione si trova nella collaborazione e nel rispetto reciproco di tutte le parti, non in tentativi di dominazione da una o dall'altra.
Il vecchio sistema, tutto il vecchio sistema economico-politico, sta fallendo: ora o si cambia tutti o si diventa il Guinea Bissau.
Ciao
14-04-2009 11:53
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Permessi di scrittura
Non puoi inserire nuove discussioni.
Non puoi inserire risposte.
Non puoi inserire allegati.
L' HTML è disattivato.
Il MyCode è attivato.
Le faccine sono attivato.
Il codice [img] è attivato.

Contattaci | Traffico Aereo | Torna all'inizio della pagina | Torna al contenuto | Modalità archivio | RSS Syndication