1 utente stanno visualizzando questa discussione: (0 membri, e 1 visitatore).
Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Milano Informazioni?
Autore Messaggio
Falsotracciato Offline
Member
***

Messaggi: 65
Registrato: Dec 2006
Reputazione: 0
Messaggio: #11
Milano Informazioni?
Beh non saprei che dire...

Ritornando al discorso dei piloti "poco affidabili", secondo me la migliore cosa da fare è rivedere profondamente le procedure di addestramento teorico.

Mi spiego meglio.
Sono anche io un pilota PPL, e mi sono reso conto che la mia preparazione teorica, quando inforcavo il mio bel monomotore e decollavo, in alcune occasioni non era adeguata.
Il problema credo risieda nella mentalità che stava alla base di tutto, cioè "ma tanto è solo un PPL".
Da alcune parti questa mentalità risiede ancora, ma non ci si rende conto che un monomotore che vola è sempre un aereo, e come tale il CTA deve separarlo (o informarlo che dir si voglia) da tutto e tutti.
Anche perchè gli airprox sono e rimarranno sempre airprox, che sia un C172, un H25B o un B737, e il cagozzo rimane a tutti.

Un'altra cosa che ho avuto modo di notare è la scarsa pianificazione del volo.

Non è raro che si presentino aeroplanini decollati da chissà dove, diretti per chissà dove, chiedendo di attraversare il mio spazio aereo, su rotte quel giorno interdette per TIRI A FUOCO, o che magari si presentino sul localizzatore, a 8 NM in finale e 1500 ft (non è tanto igienico dal mio punto di vista) o direttamente sulla procedura di Initial Climb in bocca al traffico in decollo.

Quindi, concludendo il sermone e rispondendo a Lucaberta... per me si dovrebbe sensibilizzare il pilota PPL e far si che

1) Non si salga sull'aeroplano pensando "il cielo è grande".
La preparazione teorica qui gioca un ruolo essenziale, bisogna sapere dove si vola e quali sono le regole di quel determinato S.A.

2) Pianificare tutta la rotta come si deve, gli EAV stanno lì apposta.
(Poi naturalmente se si parte dal campo volo di Poggibonsi diretti al campo volo di Canicattì è un pò più difficile)

Saluti
01-10-2008 21:46
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
djmili Offline
Member
***

Messaggi: 100
Registrato: Mar 2005
Reputazione: 0
Messaggio: #12
Milano Informazioni?
Beh...io direi che la preparazione Teorica..nonche' la pratica acquisita, e' fondamentale..piu che per rispetto del CTA (che ricordiamolo 1 vfr lo separa..anzi pone l'adeguato spaziamento nei circuiti di traffico e lo separa solo dall'IFR negli spazi Charlie...poi ci deve pensare il pilota a separarsi..)ma e' fondamentale per se stesso.
Non solo la conoscenza delle prerogative e delle attivita' eventualmente limitanti dello spazio aereo dove intendiamo volare...ma soprattutto (andando 1 attimo off topic) della macchina...e delle dinamiche del volo.

La cosa piu ricorrente e' il famoso ghiaccio al carburatore...perche' quando si e' giovanetti...o quando si vola per Status Symbol piu che per passione di 1 attivita' che a prescindere se e' a scopo di lucro o meno fa della professionalita' 1 prerogativa..si e' sempre 1 po approssimativi e si usa quel c172 o pa28 come 1 ducati sullo stelvio..
Attenzione...chi ha decenni di esperienza e deve farsi 1 voletto locale nell'aeroporto base del suo a/m dove vola da 10 anni..puo permettersi anche di andare in allegria..ma nn e' sempre cosi..

Il problema di base...e' che i costi troppo elevati del volo AG creano 1 uso per la maggior parte dei nn ricchi..troppo sporadico...
Se io ragazzino appena diplomato all'ITAER e brevettato...potessi volare cn molto meno..mi organizzerei i viaggetti noleggiando 1 a/m..per 1 week-end..e aumenterei..volando di piu la consapevolezza dell'importanza di essere preparati al volo...del "briefing" pre volo...

ma purtroppo...il petrol e' il petrol...e per ora e' cosi....

Saluti
01-10-2008 23:45
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Falsotracciato Offline
Member
***

Messaggi: 65
Registrato: Dec 2006
Reputazione: 0
Messaggio: #13
Milano Informazioni?
Citazione:Originariamente inviato da djmili
...e' che i costi troppo elevati del volo AG creano 1 uso per la maggior parte dei nn ricchi..troppo sporadico...

In altri paesi questo "problema" è stato risolto inventando i mezzi VDS.
Il vero problema dell'A.G. è appunto il costo proibitivo di tutto ciò che ruota intorno al volo...

Un giorno anche in Italia il VDS sarà regolamentato come si deve, e allora ti assicuro che tutti voleremo di più, e vivremo felici e contenti.

P.S. Lasciamo stare il discorso VDS però, c'è già un topic aperto dove si filosofeggia anche sulla normativa e sui piani di volo.

Saluti
02-10-2008 19:34
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
lucaberta Offline
Member
***

Messaggi: 246
Registrato: May 2007
Reputazione: 0
Messaggio: #14
Milano Informazioni?
Citazione:Originariamente inviato da djmili
Per il fatto che cmq sia meglio limitare il diritto al Silent Flying dei piloti in considerazioni della sicurezza, vi porto l'esempio di Bolzano che e' 1 Afis e che e' Spazio aereo Golf.
In qusto aeroporto le procedure strumentali IFR che si svolgono 1na alla volta sia che siano paertenze o arrivi, impongono inparticolar modo per gli arrivi a tutto il traffico VFR di liberare 1 aerea di 2,5 NM a destra e sinistra della procedura , caso vuole che la procedura passa proprio sul punto di ingresso VFR piu usato (sierra).
Li e' difficile dire ad 1 traffico VFR "ti devi leva'" anche perche' quello ti potrebbe rispondere e' spazio aereo GOlf...!
Ma come tutti sanno l'obbligo e' pubblicato..ma l'unlteriore inghippo..sta nel fatto che te lo deve ricordare 1 AFIU che fornice 1 servizio che "in teoria" non e' "coercitivo"...
se si vuole tenere fuori da uno spazio aereo un VFR, bisogna far si' che quello spazio aereo diventi di classe A! Ovvio, la mia e' un'esagerazione, ma l'unica "protezione" offerta ad un IFR in arrivo dentro uno spazio aereo di classe G durante una giornata con condimeteo VMC e' proprio il caro "see and avoid", dato che nulla e' possibile nei confronti di traffico VFR.

Quello che tu dici essere un caso particolare a Bolzano, e' la norma in USA, dove praticamente tutto lo spazio aereo sopra 700' GND o 1200' GND e' classe E, dove tra l'altro possono benissimo esserci paperozzi senza radio e senza transponder. L'unica "protezione" te la puo' dare la Tower una volta che entri nel suo class D.

Citazione:insomma tutti inghippi...che spesso neanche esistono quando tutti usano il buon senso...
purtroppo, e mi riferisco sia a chi sta dentro lo scatolotto di latta che chi sta seduto in poltrona, a volte il buon senso viene a mancare ed ecco ucire fuori i rapporti..
io trovo che spesso ci sia assenza totale di conoscenza delle esigenze reciproche. Io sono fortunato perche' ho speso tantissimo tempo dietro le spalle di amici CTA in gioventu', prima di iniziare a volare, e ho capito molto di come funziona il mondo del volo visto dal lato del controllore.

A me piacerebbe che Massimo Garbini, che ho incontrato all'assemblea AOPA Italia a Orio lo scorso Maggio, potesse davvero mantenere la promessa di inziare a lavorare per organizzare sessioni di incontro tra CTA e piloti, per capire le esigenze e i problemi degli uni verso gli altri, cosa che certamente migliorerebbe tutti e due.

E' anche per questo motivo che spendo volentieri tempo qui su questo forum, vedo che c'e' voglia da parte vostra di farvi capire meglio, ma l'attuale struttura non vi permette di farlo, ecco perche' questo forum sta diventando interessante...

Citazione:Il gps nn tutti possono permetterselo, in special modo quei ragazzi che nn si comprano l'R1 ma la vespa per andare a volare..e che si affittano gli aerei piu scrausi perche' costano meno...
Cerchiamo di fare meno i fighetti....
non e' per nulla una questione di fare i fighetti, mio caro. Il GPS e' uno strumento fondamentale per volare al giorno d'oggi, e non e' un caso che praticamente tutti i piloti VDS ce ne abbiano almeno uno a bordo. Un GPS con le mappe costa, ma come strumento per evitare di appiccicarsi contro le montagne funziona piuttosto bene, ti garantisco. Il GPS non e' per fare i fighetti, e' per vivere meglio e piu' a lungo, tenendosi anche fuori dagli spazi aerei dove non ci si deve stare.

Ciao, Luca
02-10-2008 23:43
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
lucaberta Offline
Member
***

Messaggi: 246
Registrato: May 2007
Reputazione: 0
Messaggio: #15
Milano Informazioni?
Citazione:Originariamente inviato da Falsotracciato
Ritornando al discorso dei piloti "poco affidabili", secondo me la migliore cosa da fare è rivedere profondamente le procedure di addestramento teorico.
sono d'accordo con te, Falsotracciato. Io ho avuto la fortuna di conoscere gia' bene le particolarita' delle procedure strumentali ancor prima di iniziare a volare per ottenere il PPL, e quindi mi era chiaro dove non dovevo andare e per quale motivo... Big Grin

Anche se a dire il vero il fatto che il CTR di Linate sia delle dimensioni che e' e per giunta tocca terra dapertutto davvero non lo capisco... manco avessimo ancora i Super Constellation in decollo da Linate! Ormai i mezzi che operano da Linate in genere sono a 1500' ancora dentro l'ATZ, e passano direttamente nella TMA senza toccare il CTR di Linate!!! E vabbe', quello degli spazi aerei e' tutto un'altro discorso...

Citazione:Un'altra cosa che ho avuto modo di notare è la scarsa pianificazione del volo.
va detto che le documentazioni aeronautiche non aiutano... le carte nazionali sono patetiche, le Jeppesen sono un pochino meglio. Ma avete mai visto la carte VFR svizzera, che bella che e'? Per tacere delle Sectional USA e delle Terminal Area Chart che coprono le zone intorno ai grandi aeroporti americani.

Io ho fatto un giro intorno al class B di San Francisco il mese scorso senza far alcuna specifica pianificazione, bastava avere aperta la carta e consultare il GPS di bordo ogni tanto. Le quote degli spazi aerei sono indicate in modo molto chiaro, i diversi settori sono chiaramente riconoscibili anche in volo (radiali VOR o anche autostrade ben visibili).

Voi direte, che palle 'sti riferimenti agli USA; io dico, ma se non impariamo da chi le cose le fa meglio, da chi dobbiamo imparare? Da chi le fa peggio? Oppure pensiamo che vada bene cosi'?

Citazione:Quindi, concludendo il sermone e rispondendo a Lucaberta... per me si dovrebbe sensibilizzare il pilota PPL e far si che[...]
ritorno anche qui all'idea di avere seminari congiunti ENAV/ENAC/AeCI/AOPA/FIVU/chivoletevoi per migliorare la conoscenza reciproca. Io ci credo, e anche molto.

Ciao, Luca
02-10-2008 23:55
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
lucaberta Offline
Member
***

Messaggi: 246
Registrato: May 2007
Reputazione: 0
Messaggio: #16
Milano Informazioni?
Citazione:Originariamente inviato da Falsotracciato
In altri paesi questo "problema" è stato risolto inventando i mezzi VDS.
Il vero problema dell'A.G. è appunto il costo proibitivo di tutto ciò che ruota intorno al volo...

Un giorno anche in Italia il VDS sarà regolamentato come si deve, e allora ti assicuro che tutti voleremo di più, e vivremo felici e contenti.
totalmente d'accordo con te. Io questo che tu dici, Falsotracciato, ci ho messo un po' di tempo a capirlo, e molti piloti di AG ancora non lo hanno capito e forse non lo capiranno mai.

La maniera migliore di fare esperienza e' quella di volare. Volare costa molto, e se si puo' trovare un modo di volare altrettanto sicuro e piu' economico, magnifico!

Io quando volo VDS non faccio niente di molto diverso rispetto a quando volo AG, in realta'. Perche' poi alla fine non c'e' cosi' tanta differenza...

Ciao, Luca
02-10-2008 23:58
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
office2010 Offline
Member
***

Messaggi: 104
Registrato: May 2011
Reputazione: -1
Messaggio: #17
RE: Milano Informazioni?
Business information Office 2010 Website Parts Office 2007 contains Office 2007 some Business Data Web Parts Microsoft Office 2010 that could show any entity Microsoft Office 2007 from the Business Data Catalog. Use Business Data Web office 2007 download Parts to customize to see how business microsoft office 2010 beta data is acted on your SharePoint site Microsoft office 2010 download. It also allows you to send microsoft office 2010 product key as e-mail attachment in the PDF and XPS formats in a subset office 2010 word of these programs. Specific features vary by program office 2007 enterprise It has its own advantages microsoft office 2010 keygen. You incorporate business data actions into your libraries or lists Microsoft Office. in this way, you can update profile data in a business microsoft office 2007 download application directly, for example SAP buy Office 2010 or Siebel. Actions are implemented as links, so that microsoft office 2010 trial you can use them to play Office 2010 key easy actions like opening a Web office 2010 download site or sending an e-mail.
25-05-2011 05:20
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Permessi di scrittura
Non puoi inserire nuove discussioni.
Non puoi inserire risposte.
Non puoi inserire allegati.
L' HTML è disattivato.
Il MyCode è attivato.
Le faccine sono attivato.
Il codice [img] è attivato.

Contattaci | Traffico Aereo | Torna all'inizio della pagina | Torna al contenuto | Modalità archivio | RSS Syndication